Materasso memory o materasso in lattice?

Quando si tratta della questione del sonno, è bene essere belli svegli riguardo alla scelta del proprio materasso! Dormire è una parte essenziale della vita quotidiana: sapevi che in totale passiamo circa un terzo della nostra vita totale sul letto? Per questo è bene sceglierlo attentamente. E poi si tratta anche della nostra salute: lo dicono anche i medici, quando si dorme meglio, si vive meglio.

È importante nella vita di tutti i giorni fare almeno tre cose: mangiare bene, fare esercizio fisico e dormire bene. Sono tre fattori fondamentali per sentirsi sempre pieni di energie e poter affrontare tutte le avventure che ci riserva la giornata.

Allora, come scelgo il migliore materasso? È meglio un materasso in memory o uno in lattice? Quando uno sa cosa cercare, è più facile fare l’acquisto più azzeccato.

Un materasso memory o uno in lattice si differenziano per tanti dettagli, piccoli e grandi. Il primo, ovviamente, risiede proprio nel tipo di materiale: il primo è di origine artificiale, mentre il secondo è di origine naturale. Mentre il lattice viene estratto dalla resina dell’albero della gomma, il secondo è composto da una schiuma viscoelastica realizzata a partire da getti d’acqua ad altissima pressione.

La seconda differenza risiede nel comportamento che assume lo specifico materiale e come reagisce a contatto con il peso del corpo umano. Mentre il lattice ha una capacità di resistenza maggiore, il memory foam è in grado di deformarsi per accogliere e avvolgere ogni curva del corpo.

Attenzione però, ti invito a prendere in seria considerazione la qualità di qualsiasi materasso preferisci: se il prodotto da te scelto è solo parzialmente in lattice o se è composto solo da uno strato sottilissimo di memory foam, è impossibile ottenere una performance avanzata. Sicuramente si risparmierà un bel po’ sul prezzo, ma puoi essere sicuro che la durata del materasso e la sua comodità ne saranno compromesse.

Analizziamo da vicino i maggiori e più tipici pro e contro di entrambi i prodotti.

Quali sono i pro e contro di un materasso in memory foam o materasso in lattice?

Ecco una cosa che non viene spesso dichiarata: il memory foam è più adatto a chi nel sonno è abituato a mantenere una posizione abbastanza fissa, senza muoversi più di tanto. Mentre il lattice, grazie alla sua composizione altamente elastica, rende molto più agili i movimenti del corpo, il memory foam, adagiandosi alla forma del corpo, lo accoglie e lo abbraccia, rendendo più complicato lo spostamento.

Tanto è vero che, in genere, il materasso di lattice viene consigliato a chi preferisce dormire su un letto con una rigidità maggiore, mentre il materasso in memory foam viene indicato per tutti quelli che amano dormire su una struttura più morbida.

Un’altra caratteristica importante è che il memory foam tende a conservare il calore corporeo, mentre il lattice ha una struttura interna composta da microcelle che permettono una maggiore traspirabilità. Per questo chi soffre molto il caldo durante la notte, soprattutto nei mesi estivi, potrebbe trovarsi in difficoltà con un materiale come il memory foam. Questo piccolo inconveniente è però possibile da aggirare in maniera molto semplice: basta scegliere un materasso in quello che oggi viene chiamato fresh-gel.

In conclusione, è bene comunque ricordare che sia che si tratti di materasso in memory foam o materasso in lattice, quando si sceglie tra l’alta qualità si parla sempre di due ottime scelte, basta seguire le proprie preferenze personali.

Materassi gonfiabili: la soluzione per un letto temporaneo

Abiti temporaneamente in un appartamento piccolo piccolo, hai poco spazio e pochi soldi a disposizione? Ti capita spesso di avere ospiti inaspettati? O semplicemente ti piace da impazzire andare in campeggio e dormire nella natura? Se hai risposto di sì ad almeno una di queste domande, i materassi gonfiabili sono un’ottima soluzione per te.

Non scherziamo, un materasso gonfiabile non è molto adatto all’utilizzo di tutti i giorni…o meglio di tutte le notti, ma è un ottimo alleato per un utilizzo sporadico sia in interni che in esterni a seconda delle più diverse occasioni per le quali è stato pensato.

Se, ad esempio, ti piace l’idea di poter accogliere i tuoi amici o i tuoi familiari a casa ma non hai abbastanza spazio per un’intera camera dedicata agli ospiti, puoi optare per un comodo materasso gonfiabile a una piazza e mezza o addirittura matrimoniale.

Fai un piccolo calcolo: costerà di più una notte in una stanza d’albergo o comprare un buon modello di materasso gonfiabile?

Oppure se sei un amante della natura e, a qualsiasi età, vuoi poterti permettere di dormire sotto le stelle o in tenda, non devi per forza rinunciare a una notte di sonno: con un materasso gonfiabile puoi avere tutto il relax che ti meriti dopo un’intensa giornata di attività e avventure.

Quando scegli tra i diversi modelli di materassi gonfiabili, ci sono diversi fattori che ti consiglio di tenere a mente. Al primo posto dire che c’è il tipo di montaggio, ovvero: si gonfia a mano con la pompa o si gonfia da sé? Questa non è solo una caratteristica che riguarda la pigrizia di chi dovrà occuparsi del gonfiaggio, ma influisce anche su tanti altri punti. Come prima cosa, prova a rispondere a questa semplice domanda: quante volte all’anno dovrai gonfiare il materasso? Ricordati che il meccanismo di auto-gonfiaggio è forse un pochino rumoroso ma tanto veloce e comodo. Il gonfiaggio manuale, d’altra parte, è noioso e lungo ma sicuramente almeno una cosa positiva ce l’ha: è molto influente per quanto riguarda il peso complessivo del prodotto, lasciandolo pratico e leggero.

Per quanto riguarda la comodità, la maggior parte degli esperti in materassi gonfiabili consiglia i materassi gonfiabili con rivestimento floccato, ovvero un particolare materiale simile al velluto. Questo piccolo ma significativo dettaglio è utile non tanto per un tocco di morbidezza in più, quanto più che altro per impedire alle lenzuola di scivolare via.

Questo tipo di materiale, infatti, non del tutto liscio, permette di poter avere un letto ben rifatto che si mantiene durante tutta la notte. E, piccola nota in più, con il rivestimento floccato si evita di sentire quel fastidioso scricchiolio tipico dei vecchi materassi gonfiabili ogni qualvolta ci si rigira appena nel sonno.

In definitiva, scegliere un materasso gonfiabile ha davvero tanti, tanti vantaggi: lo stile, l’efficacia, la spesa contenuta. Sono pratici e veloci da montare per tutte le occasioni. Insomma, è un letto sempre pronto all’uso nelle situazioni di emergenza, che riunisce tre ottime caratteristiche insieme: semplicità, comodità e praticità.

Vacanze in Brasile, per riscoprire la terra Carioca

Vacanze in Brasile, per riscoprire la terra Carioca

 

Potersi permettere di organizzare le proprie Vacanze in Brasile è davvero qualcosa di straordinario, poiché questa terra, colorata e dalle mille contraddizioni, merita di essere vista ed apprezzata in tutta la sua bellezza.

 

Da Rio de Janeiro, ai parchi nazionali, sino alle spiagge, tutto può essere fonte di divertimento ma anche di stupore per chi voglia trascorrervi qualche giorno, o anche qualche settimana.

 

Il periodo migliore per programmare delle Vacanze in Brasile è quello durante il quale anche in Italia sono possibili le classiche ferie, da giugno a settembre, dovendo comunque ricordarsi come in questo Stato le stagioni siano opposte rispetto alle nostre. Tuttavia, anche se durante la nostra estate il Brasile abbia il suo “clima invernale” non farà mai freddo e, anzi, si potrà godere maggiormente delle sue bellezze per la riduzione delle temperature.

 

In particolare, a Rio de Janeiro la stagione più secca si può ritrovare proprio tra giugno ed agosto, mentre la capitale, essendo più alta rispetto alle altre città, potrà essere visitata tutto l’anno, poiché mantiene costante una temperatura abbastanza mite.

 

Fonte: ScontiHotel